Una mostra imperdibile per il re dei designer della stampa 3D

La Galleria Vivid di Rotterdam ha annunciato l’esibizione “Janne Kyttanen” nella quale il visionario designer, che oggi è direttore creativo di 3D Systems (la più grande azienda di stampanti 3D al mondo) ma è stato uno dei primissimi a immaginare la stampa 3D consumer oltre 10 anni fa (quando ha fondato Freedom of Creation), presenta una serie di opere utilizzando solo le ultimissime tecnologie stampa 3D. Dal tavolo da ping-pong con le racchette e le palline stampate alla panca in alluminio, l’esibizione dimostra quanto le nuove tecnologie stiano ampliando i confini dell’espressione artistica e della creatività.

Galerie_VIVID_Janne_Kyttanen-designboom01

“La durata di un prodotto è in costante diminuzione, mentre la quantità dei nuovi prodotti immessi sul mercato è in continua crescita”, spiega Kyttanen. “La maggior parte di questi è prodotti è realizzata in maniera standard per masse di utenti e questo approccio di sviluppo diminuisce il valore per l’individuo e aumenta i rifiuti sul pianeta. La maggior parte dei prodotti di consumo è ancora oggi realizzata attraverso un sistema di produzione decisamente vecchio (un centinaio di anni), che significa grandi magazzini, alta percentuale di lavoro manuale, grossi investimenti, trasporti su lunghe distanze, un esercito di impiegati ecc.”, aggiunge.

“Poiché il mondo sta diventando sempre più digitale, decentralizzato e connesso, il nostro approccio allo sviluppo del prodotto cambierà il mondo per sempre. L’mp3 ha modificato l’industria musicale, le macchine digitali hanno fatto lo stesso con la fotografia e la stampa digitale ha permesso a chiunque di diventare un editore – ora lo stesso passaggio sta avvenendo per i prodotti di consumo, e le persone saranno in grado di creare i propri oggetti con grande facilità senza più dipendere dalla selezione disponibile nei negozi. Come risultato, il valore per i consumatori aumenterà e i rifiuti diminuiranno.

Galerie_VIVID_Janne_Kyttanen-designboom04

Deceptor, tavolo da ping pong con racchette personalizzate e palla 
“Ci sono due aspetti della mia vita senza i quali non potrei andare avanti – lo sport e l’arte. Attraverso la pratica di entrambe le discipline, ho imparato che i limiti fisici e artistici non esistono. Quando ho iniziato i miei studi, ero un affermato giocatore di squash a livello professionistico, al numero 49 del ranking mondiale nel 2000. I miei compagni dicevano che sarebbe stato impossibile per me unire sport e arte. Ho raccolto la sfida e ho applicato la disciplina di uno sportivo professionista per perfezionare le mie competenze come artista”.

Galerie_VIVID_Janne_Kyttanen-designboom05

“Ho deciso di combinare le mie due grandi passioni creando un design che reinventasse completamente lo sport del ping pong, favorendo il gioco all’aperto. Le racchette sfaccettate, simili agli aerei da caccia Stealth, permettono al giocatore di eseguire colpi speciali, mentre le palline da ping pong personalizzate volano in aria, senza risentire del vento”.

Galerie_VIVID_Janne_Kyttanen-designboom06

Panca Sedona
“Le famigerate rocce rosse di Sedona sono un luogo ben noto per i vortici spirituali e segnano il luogo di nascita della prima convergenza armonica. Per me, simboleggiano uno dei paesaggi più stimolanti negli Usa per un artista e designer. Le incredibili formazioni in arenaria sono illuminate in brillanti tonalità rosse e arancioni, il più incredibile motivo grafico si è formato dopo millenni di erosione naturale. Per me, questa è una delle più brillanti creazioni di madre natura. La mia interpretazione degli alti e dei bassi prende una piega inaspettata per unire l’organico e l’inorganico”.  Oppure la mia interpretazione di queste formazioni rocciose rappresenta un ponte tra la natura e la materia inorganica.

Galerie_VIVID_Janne_Kyttanen-designboom02

I tavoli rollercoaster
“Immagino che se si potesse scattare una foto aerea del mio cervello, sembrerebbe l’intricata architettura di un’autostrada americana, completa di macchine che procedono secondo i limiti di velocità in un ciclo di idee senza fine. Il concetto di scala ispira il mio metodo di progettazione e mi spinge a sperimentare ulteriormente, con la percezione di ciò che costituisce la dimensione logica di un oggetto. Questo processo innesca un ottovolante di possibilità, sfidando e mettendo alla prova le mie capacità progettuali, e in discussione i limiti di oggetti e prodotti tradizionali”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...