Le pistole stampate in 3D uccidono la libertà del Web in Australia

Nel settore della stampa 3D tutto si muove così velocemente – e le armi sono generalmente un problema così rilevante a livello mondiale – che in pochi mesi le stampati sono passati da una curiosità a una questione di estrema importanza, almeno nella media, e ora anche in campo legislativo.

3dp-guns-billCarl Judge del Partito PUP nel Queensland, in Australia, è il primo a proporre una legislazione specifica per mettere fuori legge non solo il possesso , la distribuzione e la produzione di armi 3DP , ma anche la pubblicazione non autorizzata o lo scambio di modelli e istruzioni dettagliate per costruirle.

Fin da quando è emersa la prima pistola stampata in 3D (tutti ormai sapete chi è stato) ci siamo posti molte domande su questo tema dalle molte facce: è giusto dargli visibilità? Meglio parlarne o far finte che non esistano? È giusto stampare le pistole in 3D? Le armi stampate in 3D sono un pericolo per la società o per l’industria della stampa 3D? Oppure semplicemente ancora un’altra forma di democratizzazione della produzione, con tutto ciò che ne consegue?

Il Weapons (Digital 3D and Printed Firearms) Amendment Bill 2014 è estremamente dettagliato e sostanzialmente modifica la legge del 1990 sulle armi per includere quelle stampate in 3D stampato armi (anche se non si capisce come mai non siano incluse automaticamente) e introdurre sanzioni specifiche a seconda della categoria di pistola che viene stampata. Si introduce inoltre una procedura specifica per ottenere la licenza per possedere un’arma da fuoco digitale.

Per Judge è solo questione di preventivamente per affrontare una questione che vede come una vera e propria minaccia per la società. “Oggi ci sono preoccupazioni fondate e gravi che tali armi si infiltreranno nella nostra comunità e questo rischio reale richiede una risposta tempestiva ed esauriente”, ha detto in una dichiarazione. “Il disegno di legge che ho presentato in parlamento è questa risposta.”

3D-printed-guns-in-JapanDifensori del diritto di possedere armi sostengono che le pistole non uccidono, sono le persone a farlo. Il presunto assassino del recente, tragico massacro di Isla Vista in California non ha certo avuto bisogno di stamparsi la pistola in 3D e, anche se l’avesse fatto, non si sarebbe preso la briga di chiedere il porto d’armi. Le leggi sulle armi in Australia sono più restrittive rispetto agli Stati Uniti, ma le pistole non sono comunque illegali.

Il disegno di legge australiana potrebbe servire per rendere le persone più consapevoli del fatto che le pistole stampate in 3D sono pericolosi quanto quelle tradizionali e di evitare altri casi come Yoshitomo Imura in Giappone, che è stato arrestato con un intero arsenale di pistole stampate in 3D, dicendo semplicemente di non sapere che fossero illegali.

È improbabile, tuttavia, che il disegno di legge riesca davvero a impedire alle persone da scambiarsi file o pubblicare database di modelli digitali di pistole. Mentre si potrebbe sostenere che il maggior accesso alle armi può effettivamente incentivarne l’utilizzo, sembra più difficile estendere il concetto anche ai modelli 3D e alle istruzioni: anche se è ovvio che potrebbero essere utilizzati per la fabbricazione di una pistola, i file digitali stessi non sono un’arma. Che dire per esempio delle pistole nei videogame del futuro: saranno rese illegali se dovessero diventare troppo realistiche?

La mia opinione personale è che o tutte le pistole dovrebbero essere bandite o nessuna. Non capisco perché debbano essere prese di mira quelle stampate, rendendo questo un problema più grande di quanto dovrebbe essere. Detto questo, non c’è dubbio nella mia mente che ne sentiremo parlare eccome nei mesi e negli anni a venire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...