Effetti fisici: anche Robocop è stampato in 3D

Legacy Effects, ve ne abbiamo già parlato. Sono uno degli studi hollywoodiani di effetti speciali che sono stati tra i precursori nella realizzazione di “effetti fisici” attraverso la stampa 3D. Hanno utilizzato le stampanti di Stratasys 3D per creare personaggi per blockbuster come Avatar, Pacific Rim e Iron Man (sì, la tuta di Tony Stark è interamente stampata in 3D).

robocop-3d-printed-helmet-visorNel prossimo remake di Robocop, in uscita quest’anno, uomo e macchina saranno uniti come non mai e la personalizzazione unica possibile con la stampa 3D tornerà di nuovo utile, in particolare l’avanzatissima stampa 3D multimateriale possible grazie alla tecnologia Objet Connex, che verrà utilizzata per produrre ogni singolo componente della tuta di Robocop – dal casco agli stivali – come modelli principali per la stampa, che potranno poi essere usati anche per creare varianti a seconda delle esigenze di ogni scena.
La visiera del casco di RoboCop, con tanto di striscia rossa, è stata realizzata su Objet Connex usando il materaile trasparente VeroClear. L’armatura intorno al torace del poliziotto robotico presenta livelli di dettaglio microscopici, realizzabili solo attraverso la tecnologia Polyjet, unica in grado di offrire allo stesso tempo risoluzioni e aree di stampa così elevate.  “In primo luogo, in termini di dimensioni del pezzo che copre il petto di RoboCop, solo la tecnologia di Stratasys ci permettere di stampare qualcosa in formato reale; la parte riempie quasi tutta l’area di stampa”, spiega Jason Lopes, Lead Design Engineer di Legacy Effects.
“Secondo, la stessa parte comprende un mix di zone lisce, così come altre aree che presentano un elevatissimo livello di dettaglio, come il distintivo della polizia e altri loghi, che abbiamo bisogno di mantenere per il processo di stampaggio. Non vi è un’altra tecnologia attualmente disponibile che ci offre questo livello di dettaglio intricato, contemporaneamente alla modellazione delle superfici dure della corazza”

Inoltre, usando la stampa 3D tutto questo può essere realizzato molto più rapidamente. “Fare tutto a mano significa – prosegue Lopes – non ci avrebbe permesso di eseguire tutti i test e ci avremmo messo mesi. Inoltre, la stampa 3D ci permette di lavorare in simmetria, cioè possiamo costruire l’intero lato sinistro e poi, con il mirroring realizzare l’intero lato destro solo premendo un pulsante. Questo a mano non si può fare.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...