3DiTALY, arriva il quinto negozio!

È proprio il caso di dirlo: i ragazzi di 3DiTALY non si fermano più – d’altronde, visto il successo, come dargli torto? Da pochi giorni, infatti, è stato inaugurato il quinto negozio con marchio 3DiTALY.

main photo turinLo scorso 28 luglio, il franchising dedicato alla stampa 3D “made in Italy” ha aperto un nuovo store a Torino, andando così ad accrescere ancora di più una catena che già poteva vantare ben 4 negozi – Ragusa, Pescara, Roma e Milano. Un vero record, dato che con l’inaugurazione di quest’ultima location 3DiTALY è ufficialmente diventato il network di negozi per il 3D printing più grande del mondo, superando anche colossi come MakerBot (la prima società ad aver aperto store per la stampa 3D) e iMakr, che vanta il primato per i negozi più grandi. Nessuno, però, può competere con la diffusione di 3DiTALY, dato che il marchio italiano è l’unico sul pianeta un così vasto numero di negozi “monomarchio”.

Il tutto è stato possibile grazie alla formula adottata dall’azienda; vale a dire, quello che è stato identificato come il “franchise sociale”. Un modello di business particolare che permette ai nuovi soci di utilizzare il marchio e, allo stesso tempo, avviarsi, per poi entrare a far parte di una rete più ampia all’interno della quale ogni negozio condivide con gli altri della catena sia rischi che i benefici. Un’idea a dir poco vincente, visti soprattutto i risultati ottenuti da 3DiTALY e la velocità con cui vengono aperti nuovi store – basta pensare che il primo è stato inaugurato nel 2013 e che solo nei primi 6 mesi del 2014 sono arrivati in sequenza gli altri 3.

E come da tradizione di 3DiTALY, anche questo negozio con sede a Torino punta a mostrare quanto grande sia il potenziale della stampa 3D, unendo le tecnologie di 3D printing con un’iniziativa legata a due simboli del territorio in cui si trova. Se per Ragusa si è trattato di realizzare sculture fatte con il celebre cioccolato di Modica, per Torino è stata creata una struttura che unisce al tempo stesso la scheda elettronica Arduino (creata da Massimo Banzi a Ivrea) e la “turet” – la fontana più famosa di Torino. Il risultato? Un modello stampato in 3D che, comprendo la fontana, permette ai passanti di interagire con essa in un modo del tutto nuovo.

3DiTALY, ancora una volta, è riuscita a dimostrare che, grazie alla stampa 3D e a un po’ di creatività, qualsiasi progetto “Se lo puoi immaginare, lo puoi fare”. Realmente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...