3Doodler, 100 mila unità vendute in un solo anno

È bastato un solo anno a consacrare la 3Doodler come il prodotto più “di massa” legato alla stampa 3D. Questo particolarissimo “estrusore portatile”, infatti, ha da poco raggiunto le 100 mila unità vendute. Cifre impressionanti considerando che non parliamo di elettronica di consumo, ma di un prodotto decisamente di nicchia, legato al 3D printing – e che pure non è una stampante 3D vera e propria.

3doodler

Un successo dimostrato non solo dalle vendite, ma anche dal gran numero di creativi che hanno deciso di puntare su 3Doodler per dar vita a opere a dir poco curiose: un esempio perfetto è quello di Sara Berti, una scultrice italiana che per le sue creazioni utilizza la penna 3D e, sfruttandone le caratteristiche – che in sostanza permettono di “disegnare” sagome nell’aria, trasformandole in oggetti veri (senza bisogno di software CAD) – l’artista nostrana è riuscita a creare delle opere d’arte dallo stile inconfondibile; un traguardo che non sarebbe stato possibile senza la versatilità di 3Doodler.

3doodle falcon

E ancora, la penna 3D è al centro anche delle opere esposte a SHIGO, una “casa d’arte” fondata da una coppia di fashion designer di Hong Kong. Ispirati dalle conchiglie, questi due creativi ha utilizzato diverse tipologie di filamenti PLA per comporre degli abiti unici: ogni parte del vestito è caratterizzata da un particolare tema o colore.

SHIGO-3Doodled-shell-dress

Senza contare poi il numero sterminato di maker che si dilettano a usare 3Doodler per creare gli oggetti più disparati – compresa una fantastica riproduzione del Millenium Falcon, la leggendaria nave di Han Solo di Star Wars. Insomma, di strada questa penna per stampare in 3D ne ha fatta eccome; certo, c’è chi già dalla sua nascita su Kickstarter era pronto a scommettere sul successo di 3Doodler, ma difficilmente (anche per gli inguaribili ottimisti) si sarebbe aspettato un trionfo simile.

Sara-Berti

 

Addirittura, la penna 3D non solo ha beneficiato della crescente diffusione delle tecnologie di 3D printing, ma è diventata a tutti gli effetti l’oggetto legato alla stampa 3D più diffuso. E magari in futuro potrebbe risultare un fattore determinate per l’espansione di tutto il mercato del 3D printing, dato che i suoi creatori continuano a lavorare per migliorarla.

3doodler color

Con l’aggiunta di 12 nuovi colori, l’estrusore portatile può stampare usando sia ABS che PLa in ben 50 colori differenti, e, con gli ultimi gadget presentati all’IFA di Berlino (prevalentemente dedicati al “back to school”), sembrerebbe che il fenomeno 3DD (3D Drawing) non possa far altro che continuare a crescere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...