La mano stampata in 3D di Youbionic è più bella di quella di Luke Skywalker 

Chissà cosa avrebbe fatto Jamie Lannister, “mano” del re, per mettere le mani sulla mano Youbionic, soprattutto dopo aver perso la sua. Paradossalmente, aver bisogno di una mano, ha fatto di Jamie Lannister una persona migliore, ma – per passare dalla fantasia alla fantascienza – la realtà è che la creazione di una mano robotica in grado di sostituire completamente una mano naturale è uno dei più grandi sogni dell’umanità e potrebbe aiutare molte persone tutto il mondo.

I progetti di n-ABLE hanno dimostrato oltre ogni dubbio quanto sia importante creare protesi di mani che siano funzionali, accessibili e facilmente sostituibili. Ciò che n-ABLE sta facendo è incredibile e, anche se il loro approccio open source sta aiutando le loro protesi meccaniche a svilupparsi rapidamente, esse sono ancora basate su sistemi meccanici abbastanza basilari.

feature

Youbionic sta usando la stampa 3D per sviluppare a basso costo mano robotica funzionale. L’azineda ha già fatto molta strada. L’intera struttura di cinque dita è ora completa e la parte migliore è che tutto il progresso è stato nel prototipo fisico, facendolo assomigliare sempre più alla progettazione concettuale iniziale. Questo vuol dire che è davvero cool, soprattutto perché è stata progettata per essere stampata come un oggetto singolo, riducendo enormemente i costi.

“Youbionic è un dispositivo realizzato per semplificare la vita delle persone, consentendo loro di ridurre la sensazione di imbarazzo che si verifica a volte quando si mostra una protesi,” mi ha spiegato Federico Ciccarese, designer del progetto (in collaborazione con Mauro Alfieri, software engineer, e Ernesto Marchesi, hardware engineer). “Ho cercato di renderlo il più piacevole alla vista possibile, focalizzandoci allo stesso tempo sul rendere i suoi movimenti più naturali possibile.”

INSERT VIDEO

Il prototipo sarà in grado di eseguire le azioni essenziali della vita, ma sarà anche possibile aggiornare il software al fine di migliorarla nel tempo, proprio come uno smartphone. I movimenti della mano sono resi possibili dalle complesse geometrie delle sue parti interne, che possono essere prodotte solo attraverso tecnologie di stampa 3D.

“Si tratta di una nuova tecnologia meccanica, mai usata prima,” dice Ciccarese. “Funziona per deformazione del materiale. Ogni comportamento caratteristico può essere programmato esclusivamente tramite il relativo disegno geometrico. Durante la progettazione e lo sviluppo siamo in grado di entrare e modificare anche il più piccolo dettaglio rendendola così molto più efficiente.”

design

La struttura di Youbionic è stata progettata combinando lo scheletro principale con le leve di trasporto rotazione. Struttura e leve si muovono in modo sincronizzato per ottenere una doppia rotazione partendo da una singola rotazione. Questo consente di replicare un movimento realistico attraverso un semplice attuatore. Il cervello che muove Youbionic è un microcontrollore che tutti conoscono e di fama mondiale, sto parlando di Arduino. Anche gli attuatori e sensori sono componenti commerciali venduti sul mercato a prezzi contenuti.. Il cervello è una scheda Arduino e questo – insieme con l’approvvigionamento di altri componenti disponibili in commercio – rende teoricamente possibile metterla in commercio a un prezzo di circa 1.000 euro

INSERT VIDEO

Attualmente il team Youbionic sta lavorando per trovare sponsor che credano in questo progetto e, considerando le opportunità che potrebbero presentarsi nel corso dei prossimi anni, in particolare attraverso le nuove possibilità di produzione di fascia alta stampa 3D, non dovrebbe essere troppo difficile.

Quando immagino il futuro di Youbionic vedo una mano artificiale Modulare, mi piacerebbe che, soprattutto nei casi di protesi per bambini, si possa rimuovere facilmente Cervello e Attuatori così da sostiduire solo il Corpo della mano, e implementare una stampa sempre unifore alle dimensioni del bimbo che cresce. Anche se possiamo già sognare lo sviluppo protesi che implementino anche pelle bioficiale e ossa stampate in 3D, ci vorrà ancora molto tempo prima di avere mani artificiali indistinguibili da quelle normali. Quello che possiamo fare nel frattempo è lavorare costantemente per ottenere il miglior sostituto possibile.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...