Il mercato dei materiali per la stampa 3D arriverà a 1 miliardo di dollari entro 5 anni

Il leader di report mercato MartketsandMarkets ha segnalato che il settore dei materiali per la stampa 3D si appresta a raggiungere la quota di 1,052 miliardi dollari di fatturato globale entro il 2019. La relazione ha diviso i differenti materiali  in categorie quali plastica (fotopolimeri, ABS, PLA, Nylon e più), metalli (acciaio, argento, alluminio ecc.), ceramica (vetro, silice, quarzo e altri), più una serie di altri materiali come cera, Laywood o altro ibridi composti, e ha analizzato il mercato della distribuzione per regioni e tendenze globali.

nylon sls shapeways

M&M stima che il mercato dei materiali è destinato a crescere a un tasso annuale composto (CAGR) del 20,4%, il che significa che l’azienda attualmente stima il valore totale del mercato a circa $ 400 milioni. Entro il 2019, la plastica dovrebbero rappresentare il 64% della quota totale (671 milioni dollari), crescendo ad un CAGR del 20,3% e che avrebbe fissatoil suo valore attuale a circa $ 250 milioni.

I materiali plastici continueranno quindi ad essere i più diffusi per la stampa 3D, con la richiesta di ABS e PLA alimentata dalla rapida diffusione di sistemi di stampa 3D consumer – una tendenza che si prevede continuerà nel corso dei prossimi cinque anni. Ma anche la domanda dei metalli continuerà a crescere, con il solo limite legato ai prezzi elevati, che relegano questo materiale ad un utilizzo principalmente industriale e, di conseguenza, più limitato. In entrambi i casi, però, M&M descrive un mercato moderatamente frammentato: ciò potrebbe significare che è un mercato già maturo, o che, di contro, è ancora troppo giovane. Attualmente 3D Systems e Stratasys (plastica), Arcam AB e ExOne Gmbh (metalli) detengono la maggiore quota di mercato in termini di produzione e fornitura.

L5wVowGm8n-TwRkvPP2pKntWeNtCSBg_3qscQbEU5zU

Per quanto rigurda i consumi, al primo posto si piazza il Nord America, anche se l’Europa e l’Asia insieme rappresentano oltre la metà del consumo globale; una situazione, questa, che secondo l’azienda di ricerca dovrebbe restare immutata fino al 2019, visti soprattutto gli alti investimenti da parte dei produttori.

L’aspetto più importnate della ricerca svolta da M&M – al di là della dimostrazione di quanto tutto il mondo del 3D printing sia in continua crescita – è che permetterà alle aziende di attuare una programmazione a livello finanziario, così da seguire la curva di sviluppo. Se state pensando di sviluppare o ottimizzare un nuovo materiale per la stampa 3D, questo è sicuramente il momento di farlo.

dDzWGj4xiWL1yycmtfYlMt_Ef76XEoMQctxMGCDQKvo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...