Land Rover punta su Mick Ebeling per la sua campagna Can and Will

Il progetto di Not Impossible per portare in Sudan delle mani protesiche stampate in 3D e a un costo contenuto – a partire da un giovane di nome Daniel, che aveva perso entrambe le braccia in un’esplosione – ha colpito il mondo intero quando è stato reso pubblico lo scorso gennaio. Ora a Mick Ebeling, co-fondatore di Not Impossible, è stato chiesto di andare oltre ciò che è stato realizzato in una delle più pericolose zone di guerra del pianeta, per la realizzazione della campagna Can and Will di Land Rover.

Schermata 2014-09-30 alle 12.50.48

Can and Will si concentra sulle storie di persone straordinarie che sono riuscite a superare le proprie sfide attraverso la determinazione, stile che  costruttore di automobili del Regno Unito vuole sostenere con la  filosofia “go-anywhere” tipica del proprio marchio – e che si inserisce perfettamente con il concetto di produzione delocalizzata tramite la stampa 3D.

A Ebeling è stato quindi chiesto di fare un discorso 5×15 (un formato in cui 5 “relatori” hanno a disposizione 15 minuti) per raccontare al pubblico la sua storia e quello che ha significato per una comunità locale in cui, a causa di una guerra lunga e devastante, migliaia di persone si trovano con arti amputati.

Mosso ad agire dalle parole di Daniele, dopo aver perso gli arti superiori, Ebeling ha messo in atto il suo stile di vita basato sul Se non ora, quando? Se non io, chi? “andando in Sudan per creare una fabbrica delocalizzata per mani protesiche, utilizzando solo un paio di computer e delle stampanti 3D di MakerBot all’interno di un campo profughi di 70.000 persone.

Schermata 2014-09-30 alle 12.52.32

Prima di dirigersi verso il Sudan, Ebeling aveva incontrato Richard van As, fondatore di Robohand, che gli ha spiegato come stampare e assemblare una mano protesica, mostrandogli anche i dettagli necessari per il funzionamento di una stampante 3D in condizioni estreme. Il Progetto Daniel è stato un successo, così come Robohand ed e-NABLE: tutti mostrano come le stampanti 3D possono realmente “andare ovunque”, per dare una mano al nostro mondo.

Schermata 2014-09-30 alle 12.52.15

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...