La XXL di Sharebot al servizio dell’industria del mobile

La stampa 3D è una tecnologia che può essere utilizzata in molti settori per migliorare l’efficienza e la velocità di realizzazione di prototipi o progetti con la possibilità di poter presentare ai propri clienti un prodotto finito e funzionale.

Tra i settori che più possono trarre beneficio dall’uso di una stampante 3D c’è sicuramente quello dell’industria del mobile: questa tecnologia consente di realizzare il modello di un qualsiasi elemento d’arredo in poco tempo, senza rinunciare alla qualità e alla definizione del dettaglio garantiti da un modello costruito con metodo tradizionale.

NESPOLI&Partners, studio brianzolo attivo nel campo della prototipazione di mobili ed elementi d’arredo, ha deciso di provare ad offrire ai propri clienti anche un servizio di modellazione 3D, rendering e video animazioni  tridimensionali, sfruttando le nuove tecnologie per ottimizzare il proprio flusso di lavoro.

mobile 3D

Un esempio di cosa sia possibile ottenere è visibile nell’immagine sopra riportata:  si tratta del modello di una boiserie (una decorazione in legno intarsiato da applicare sulle pareti o su alcuni mobili) che Nespoli&Partners ha testato per un cliente. La realizzazione del modello è stata eseguita partendo dalla scansione laser 3D dell’elemento decorativo reale (con dimensioni maggiori del prodotto necessario) precedentemente eseguito da Nespoli&Partners. L’ggetto è stato quindi stampato in grandi dimesioni (da qui la scelta della Sharebot XXL) in modo che fosse possibile rendere al meglio sia le dimensioni reali della boiserie che i particolari decorativi nella fase di stampa. Una volta realizzato, il prototipo stampato in 3D è stato usato come matrice per realizzare il pezzo in legno. In questo passaggio una macchina sbozzatrice ha riprodotto i fregi e le forme sul legno, avendo come risultato il pezzo che è stato infine lavorato e rifinito da un esperto artigiano che in poco tempo ha avuto la possibilità di consegnare il fregio perfettamente riprodotto.

La scelta di usare Sharebot XXL per questo particolare prototipo – grazie alle dimensioni del piatto di stampa (700x250x200mm)  – ha permesso di ottenere la boiserie stampata in un pezzo unico, senza la necessità di scomporla in più parti e di assemblare in una seconda fase di post-lavorazione.
Questo ha consentitodi lavorare fin dalla fase di progettazione su un unico modello, senza doversi preoccupare di possibili incastri che avrebbero potuto compromettere la riuscita della stampa.

3 pensieri su “La XXL di Sharebot al servizio dell’industria del mobile

    1. ciao molto interessante. Naturalmente l’adattamento di una CNC a stampante 3D (e viceversa) è più che fattibile e lo fanno in molti, sia commercialmente che in versione DIY. So che ci sono delle criticità ma non me ne intendo nello specifico.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...