Il prezzo del 3D

Nella nostra serie di collaborazioni con i protagonisti dell’industria, ospitiamo questa volta Alessandro Usseglio-Viretta, fondatore di Fabnami, per un’analisi sul prezzo ideale degli oggetti stampati in 3D.

Nel suo libro “The Price of Everything”, Eduardo Porter scrive che “Tutto ha un prezzo, ma non è sempre ovvio quale sia“. Questo è vero anche per gli oggetti stampati. Fino a pochi anni fa, i servizi di prototipazione rapida sono stati sempre accompagnati dalla consulenza di un esperto, aspetto che si sarebbe dovuto implicitamente includere nel prezzo del prodotto finyo. Aziende come Shapeways e Sculpteo ci stanno abituaando a servizi di stampa 3D web-based altamente standardizzati, dove l’interazione umana è ridotta al minimo per offrire prezzi competitivi. Capire la formula giusto non è un compito facile e anche Shapeways ha ritoccato i suoi standard di prezzo di un paio di volte da quando ha iniziato ad operare.

screenshot_02

I prezzi delle creazioni stampate in 3D possono dipendere da una serie di variabili: quantità di materiale di stampa utilizzato, la quantità di materiale di supporto, il macchinario impiegato e il tempo di fabbricazione; e in caso di usino sistemi come, per esempio, la ProJet 660, al tutto bisogna aggiungere elementi come legante, colorante e infiltrante. Per alcune tecnologie, al contrario (come SLS), il materiale di supporto non influenza notevolmente i costi di stampa mentre per altri (FDM) rappresenta una componente di costo non trascurabile.

Quotare le stampe 3D “offline” è un processo più lento ma semplice. Il software in bundle con le stampanti spesso è in grado di stimare l’uso dei materiali e il tempo di stampa, dati che possono poi essere immessi in un foglio di calcolo per stimare il preventivo. La maggior parte agenzie di stampa 3D ancora funziona in questo modo, ma il successo globale dell’e-commerce mostra chiaramente che i prezzi web-based e on-line rappresentano le scelte preferite dai consumatori. Per questo motivo, in Fabnami sviluppiamo algoritmi veloci e precisi che calcolano l’uso dei materiali e il tempo necessario basandoci esclusivamente sulle caratteristiche geometriche e topologiche del 3D-mesh, senza la necessità di usare software di “slicing”.

screenshot_03

La classe più impegnativa di algoritmi che abbiamo sviluppato è strettamente legata al calcolo del materiale di supporto. Il volume del materiale di supporto dipende fortemente l’orientamento del modello all’interno del letto della stampante; inoltre, alcune aziende hanno sviluppato metodi per ridurre i costi, come il marchio di sostegno Stratasys SMART, che, secondo il comunicato stampa Stratasys “funziona in modo simile al design ad arco classico in architettura, in cui colonne sostengono degli strati di mattoni che diventano progressivamente più ampi, in modo che le colonne strette possono supportare una struttura molto più grande e più pesante “.
Sin dalla sua uscita, Fabnami offre la possibilità di calcolare il  volume di materiale di supporto e, facoltativamente, di ottimizzare il suo volume ruotando in tempo reale i 3D-mesh: in questo modo, si può avere un’idea incredibilmente precisa, senza dover ricorrere a approssimazioni. Da metà febbraio 2015 Fabnami offre anche la possibilità di valutare l’utilizzo del materiale di supporto generato da Stratasys SMART, funzione apre alla possibilità per i possessori di stampanti 3D Stratasys di offrire i propri servizi on-line.

screenshot_04

È davvero necessario così tanto la precisione? Aziende come 3DHubs attualmente stabilisco i prezzi degli oggetti stampati in base al volume del materiale e finora hanno avuto successo. La necessità di precisione dipende dal volume di affari, così come dal numero di stampe; le grande società di stampa 3D possono quotare le stampe in base a stime approssimative, ma le piccole imprese non godono della possibilità di fare affidamento sui grandi numeri e necessitano di prezzi accurati per ogni singola stampa. Ecco perché abbiamo dedicato così tanto tempo e risorse per la progettazione e lo sviluppo di algoritmi precisi, in base ai quali i nostri server riescono a quotare migliaia di stampe 3D ogni mese.

Di Alessandro Usseglio-Viretta, fondatore di Fabnami

Fabnami è un sistema su abbonamento che permette di integrare, facilmente e rapidamente, tutte le funzionalità di stampa 3D in qualsiasi sito Internet. Con Fabnami è sufficiente stringere accordi con partner locali che possiedono stampanti 3D e inserire i prezzi per centimetro cubo. Fabnami provvederà a effettuare automaticamente l’analisi del file e a preventivare i costi, gestendo anche tutti gli aspetti relativi all’eCommerce

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...