Il talento per la modellazione 3D di Maurizio Casella si espande al mondo delle auto cult europee

Ci sentiamo un po’ come se avessimo “scoperto” noi Maurizio “Mao” Casella; anche perchè abbiamo seguito i suoi progressi sin dall’inizio della sua avventura come designer per il mondo della stampa 3D. A giudicare da ciò che ha prodotto finora, potrebbe essere uno dei migliori talenti in circolazione per quanto riguarda l’ideazione di modelli stampabili “consumer-ready”. Un’idea confermata ancora una volta attraverso le sue tre nuove creazioni ispirate alla “mitologia automotive” e al mondo aereo: parliamo infatti della Citroen 2CV, dell’originale Mini Cooper e di un nuovo modello di aeroplano.

Mao 2CV Mini Cooper4

Dopo un primo approccio con la Shelby Cobra e tre modelli dedicati alle eccellenze automobilistiche italiane (una Ferrari, una Fiat 500 e una Vespa), Mao ha nuovamente allargato i suoi orizzonti creativi lavorando a modelli stampabili di auto straniere iconiche come la 2CV francese e la ex-britannica Mini Cooper – che ora fa parte del gruppo BMW.

Mao 2CV Mini Cooper1

Ciò che impressiona maggiormente è che Mao ha modellato digitalmente e stampato questi tre veicoli da zero in meno di un mese. Considerando che prima di acquistare una stampante 3D RepRap la sua esperienza nel mondo del 3D printing era relegata esclusivamente al digital design, è un’ulteriore prova di come le barriere di ingresso ormai non siano così ripide come si potrebbe pensare.

Mao 2CV Mini Cooper5

Certo, vivendo in paradiso sulla costa del Mar Rosso, Mao ha più tempo da dedicare alle sue passioni rispetto alla media, ma il suo talento è sbalorditivo; l’unica domanda che resta è se il suo modello di business potrà può mai diventare – e in caso affermativo, quando – effettivamente prolifico. Perchè Mao al momento vende le sue creazioni su portali come 3DaGoGo e ToyFabb, a un prezzo decisamente contenuto – 4,99 euro a pezzo. Fino ad ora ha venduto alcune decine di modelli, un risultato certamente gratificante da un punto di vista personale; tuttavia, a questo ritmo, passerà molto tempo prima che possa diventare un lavoro a tempo pieno.

Mao 2CV Mini Cooper3

Se Mao continuasse produrre tre modelli al mese per i prossimi 3 anni – che è più o meno il tempo necessario affinchè, secondo noi, le stampanti 3D desktop possano raggiungere una diffusione sufficiente – avremmo un totale di circa 100 modelli. Vendendoli alla stessa velocità di oggi, ovvero poche decine al mese (diciamo 40), per 5 modelli, il totale fare grossomodo 800 modelli al mese. Ad un costo di 4,99 euro ciascuna, sarebbero qualcosa come 4000 euro al mese: mica male. Ovviamente questo è solo un calcolo molto approssimativo, ma può dare una piccola indicazione di come – e quanto – possa svilupparsi questo business. Siamo sicuri che sia il desiderio comune di tutti gli appassionati di stampa 3D; noi, dal canto nostro, non vediamo l’ora di vedere le prossime creazioni di Mao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...