“Making a Difference – A difference in Making” , quando la stampa 3D fa la differenza

Il 7 Aprile 2015 si è tenuta al Bozar Centre di Brussels l’importante esposizione “Making a Difference – A difference in Making”, da considerare come una delle più significative e complete esposizioni sulla stampa 3D  mai realizzata.

A curare la mostra è stata Marta Malé – Alemany. L’esposizione è stata una celebrazione per il 25esimo anniversario di Materialise (azienda che sostiene l’innovazione nel settore 3D) e dei progetti più innovativi in stampa 3D. La mostra è un percorso di lavori scientifici, artistici, ingegneristici e di rinomati artisti, designers, pubbliche iniziative e prestigiose istituzioni di ricerca, ma anche di sconosciuti creatori.

MWC - Bozar - a difference in making07

Un unico evento che ha raccolto e fatto incontrare campi differenti in contaminazioni espressive ed esplorazioni tecniche unite dai processi di realizzazione di uno dei più affascinanti ed avanzati campi di manifattura contemporanea: la stampa 3D.

Ad aprire ufficialmente la mostra, il 24 Aprile, nel suo primo giorno al MWC2015 (Mobile Word Congress), è stato Mr Vancraen, CEO e fondatore di Materialise.

MWC - Bozar - a difference in making02

Tra gli oggetti e le opere esposte troviamo un sorprendente pezzo che riprende un’opera del 1769 di Giovanni Battista Piranesi: “The Helix Tripod”, proposta da Factum Arte. Non è mai stata proposta perché considerata troppo complessa ma grazie alla stampa 3D la sua complessità è stata superata per prendere vita, tramite attenta finitura, da un software digitale. Proprio Mr Vancraen ha portato i visitatori in giro per la mostra, spiegando dettagliatamente i progetti e le opere esposte, rimarcando la sua vera passione per la stampa 3D.

MWC - Bozar - a difference in making11

La mostra risulta essere ibrida, una contaminazione di stili classici e moderni: dalle opere fluide dell’artista Nick Ervinck al tavolo Fractal MGX, allo sgabello One_Shot.MGX, entrambi unici pezzi e basati su complesse linee geometriche riprodotte tramite processi 3D. La mostra non è solo un’esibizione artistica/concettuale ma anche tecnica /scientifica sulle possibili combinazioni della stampa 3D e le sue affascinanti applicazioni.

MWC - Bozar - a difference in making10

La tecnica della stampa 3D permette la realizzazione di oggetti impensabili e impossibili e tra i tanti esposti al Bozar Centre troviamo il “FIX3D bike”, dalle geometrie complesse, un telaio basato su un laser ultra leggero in nylon bianco. Un lavoro che merita di essere segnalato è quello di PrintedNest: progetto open source per creare bellissime e coloratissime mangiatoie per uccelli da posizionare in giro per il mondo cosi da riportare gli uccelli nelle città. Seguendo un pensiero eco-green è un tentativo di rendere più sostenibili i paesaggi cittadini.

MWC - Bozar - a difference in making09

Ma la stampa 3D investe anche il campo del food design e un progetto alquanto bizzarro esposto alla mostra è quello di Chloè Rutserveld e TNO University: “Edible Growth”, uno snack che cresce in se stesso come un impasto di stampa 3D realizzato con funghi commestibili, lievito, terreno e germogli.

MWC - Bozar - a difference in making01

Tra i tanti impieghi di applicazione della stampa 3D, da considerarsi il più importante, per il ruolo di reversibilità e funzionalità che investe, non poteva mancare quello medicale in cui impianti medici, protesi, estensioni del corpo umano aldilà delle loro funzioni, seguono linee e schemi di bellezza che sconfinano nel campo del design.

MWC - Bozar - a difference in making08

Il campo delle applicazioni mediche è uno dei settori che più funziona nel campo 3D ma mancano delle linee guida e Mr Vancraen, CEO e fondatore di Materialise, società che sostiene la stampa 3D applicata al campo biomedicale, manifesta il bisogno di creare una standardizzazione delle pratiche per ottimizzare i processi di realizzazione e applicazione per progetti validi e realmente attuabili. Mr Vancraen, nel suo discorso di apertura per l’MWC, ha detto che “sono stati individuati più di 6.000 articoli medici per l’uso della stampa 3D, ma di questi solo 200 hanno applicazioni pratiche realistiche”.

L’intero settore della stampa 3D vale oggi intorno ai 4 miliardi di dollari e nell’attesa di una sua futura rivoluzione non ci rimane che aspettare un nuovo straordinario appuntamento MWC firmato Materialise.

MWC - Bozar - a difference in making06

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...