I prototipi medicali stampati in 3D di OpenBiomedical sono pronti

L’iniziativa OpenBiomedical è una collaborazione non profit internazionale tra volontari e professionisti che vogliono usare le tecnologie open source e la stampa 3D per portare dispositivi medici a basso costo a chi ne ha più bisogno.
Dopo aver presentato i loro primi tre progetti – due protesi per le mani e un’incubatrice – poco più di un anno fa, OBM ha ora finalmente mostrato i primi prototipi dei loro dispositivi stampati 3D.

OBM MFR155
Mentre le protesi per mano – WIL e FABLE – hanno sicuramente un grande potenziale, il dispositivo che ha maggiormente attirato l’attenzione, per la sua utilità e la sua unicità nello scenario open source, è la Baby On Board (BOB), un’incubatrice per neonati a basso costo quasi interamente stampata 3D.

OBM MFR157
BOB è stata progettata come una risposta al fatto che circa il 75% delle morti neonatali avviene nella prima settimana di vita ed è dovuta spesso alla mancanza, o alla difficoltà di gestione, di equipaggiamento biomedico.
Per far questo BOB usa componenti a basso costo che possono essere riprodotti con la stampa 3D, una fresatura molto basica quasi ovunque, e ha inoltre documentazione gratuita disponibile online.

OBM MFR158

Ho parlato spesso con Valentino Megale e Bruno Lenzi, due dei membri del gruppo iniziale di OBM – che da allora è cresciuto in maniera molto significativa, espandendo le sue attività in molti continenti – e il loro entusiasmo per le possibilità offerte dalla stampa 3D open source è palpabile e continua a spingerli nelle loro attività divulgative.
Anche i due progetti delle protesi si stanno sviluppando rapidamente e OBM ha finalmente presentato la loro prima versione stampata 3D alla recente Maker Faire di Roma.

OBM MFR152
WIL (che sta per WIred Limb cioè arto cablato), è una protesi meccanica sviluppata per compensare la mancanza di un arto e funziona grazie al movimento del polso e a un sistema di fili e cavi.

OBM MFR156

FABLE(Finger Activated By Low-cost Electronics cioè dito attivato da elettronica a basso costo) è una protesi elettromeccanica dedicata a coloro che hanno subito un’ amputazione o siano nati con una malformazione congenita. Funziona grazie all’ acquisizione di segnali generati dalla contrazione bioelettrica dei muscoli vicino al gomito e permette movimenti del dito molto precisi.
La prima versione della mano FABLE è stata stampata da Justmake, una piattaforma collaborativa che permette a chiunque di avere accesso alla stampa 3D, ma comunque lo sforzo che sta dietro a OBM include una rete realmente vasta di persone che “lo fanno solo per aiutare”. Le donazioni sono ovviamente accettate e possono esser fatte attraverso la piattaforma di crowd-funding WithYouWeDo.

OBM MFR154

L’ondata di consapevolezza delle possibilità, create dall’ open source e dalla stampa 3D, che OBM ha fatto partire, può essere difficilmente quantificata in termini di investimenti economici.
Tuttavia, aiuterebbe sicuramente che portasse questi progetti dove realmente ce n’è bisogno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...