Una Ultimaker 2 Extended per creare l’auto RC più veloce al mondo

Una stampante 3D può avere limiti dimensionali ma possono essere facilmente superati con le capacità di modellazione. Così, mentre potrei usare semplicemente la mia Ultimaker 2 Extended per stampare oggetti più grandi, ho trovato su Thingiverse che un designer capace e creativo è riuscito a stampare 3D qualcosa in grado di battere il record mondiale di velocità su terra.

Il fatto che il record mondiale per una macchina radiocomandata non fosse l’obiettivo di James Beswick per far correre a 202 miglia orarie il suo missile stampato 3D, non lo rende per nulla meno impressionante.

Nell’ ultimo numero di Ultimaker Story, Sander van Geelen ci parla di questo entusiasta delle macchine da corsa dragster ad alta velocità radiocomandate e di come la scoperta della stampa 3D gli abbia aperto una infinità di nuove possibilità per approfondire la sua passione.
“Ha velocizzato in modo molto significativo il processo di costruzione e ha aperto molte nuove eccitanti possibilità. Penso di poter sinceramente dire che mi sentirei perso senza la mia Ultimaker,” ha detto Beswick.

RC Ultimaker Ext3
“Per me l’unica parte dura del processo è l’attesa. Non ottengo sempre le parti perfette al primo tentativo ma grazie alle caratteristiche della stampa 3D è così semplice ritornare alla progettazione, fare qualche piccolo cambiamento e poi riprovare. Il processo è semplice: Immagina, Progetta, Stampa, Divertiti!”.
Ha scelto di usare una Ultimaker 2 Extended a causa del volume più alto che gli ha permesso di stampare parti del dragster più grandi e più aerodinamiche.

RC Ultimaker Ext4
Il sistema a filamento aperto gli ha permesso di provare parecchi materiali diversi. Alla fine ha scelto la composizione PLA/PHA. Probabilmente, anche se non chiaramente specificato, sono stati i filamenti di colorFabb a offrire una maggiore flessibilità piuttosto che puri PLA.
Berwick ha progettato digitalmente l’intero concetto e poi ha stampato 3D parecchie parti, Oltre all’ intero corpo principale, l’alettone posteriore, i supporti di controllo, la batteria, le fascette, e persino gli ammortizzatori per le parti elettroniche sono stati stampati 3D.

RC Ultimaker Ext1

Forse il singolo vantaggio più grande nell’ implementazione della stampa 3D desktop nel processo di modellazione e prototipazione è la possibilità di ristampare parti rotte e nuove parti in modo relativamente rapido ed economico per poter sviluppare il design dopo i test.
Con l’aumento della velocità saranno necessari piccoli cambiamenti nell’ aerodinamica per essere sicuri che la macchina stia saldamente sul terreno alle alte velocità.
“Ho imparato attraverso I test che le pietre alle alte velocità sono letali per la PLA, così nella prossima versione che stamperò del corpo principale porrò la mia attenzione verso alcuni punti deboli,” ha aggiunto.

RC Ultimaker Ext2
Nel processo potrebbe anche trovare qualche suggerimento per un altro detentore, a grandezza intera e parzialmente stampato 3D, di un record di velocità su terra: il Bloodhound Project.
È veramente solo una questione di dimensioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...