HSS

Esiste un altro processo industriale di sinterizzazione termica – ancora in fase di studio – che ha il potenziale di cambiare davvero tutte le logiche produttive globali. Si chiama sinterizzazione ad alta velocità ed è stato sviluppato dal professor Neil Hopkinson circa 10 anni fa, presso la Loughborough University. Ora Hopkinson sta lavorando a uno studio finanziato dal governo inglese e da alcuni gruppi manifatturieri (tra cui Unilever) per determinare se l’HSS possa davvero competere con lo stampaggio a iniezione per qualsiasi quantità di pezzi prodotti su alcune geometrie particolarmente complesse. L’HSS è un processo che sinterizza oggetti in plastica con il calore; non per contatto come l’SHS, bensì attraverso radiazioni di raggi infrarossi. Questo significa che è in grado di sinterizzare moltissimi componenti allo stesso tempo e, visto che il calore agisce più “delicatamente” del laser, riesce a conferire agli oggetti sinterizzati migliori proprietà meccaniche. Se le potenzialità dell’HSS venissero confermate potrebbe davvero portare la stampa 3D a diventare una tecnologia manifatturiera di massa, arrivando produrre, in un area di stampa di un metro quadro, oggetti delle dimensioni di un dito in un tempo medio di 0,67 secondi.

2.4.3a - HSS - Hopkinson

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...